.
Annunci online

 
pagineonline 
pagineonlife - di francesco (pier giuseppe) lo piccolo
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  pagineonlife.wordpress.com
lsdi libertà di stampa
isfreedom.org
misna
difesa informazione
amref
peacelink
articolo11
megachip
nigrizia
peacereporter
donneinnero
pandora tv
reporter senza frontiere
migranti
Human Rights
altre notizie
ejo
il manifesto
arcoiris web tv
lettera22
rue89
  cerca




______________________ ______________________
"...Se voi volete andare in pellegrinaggio
nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto
un italiano per riscattare la libertà e la dignità: andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è
nata la nostra Costituzione".
(Piero Calamandrei, 1955) ______________________ _______________

                        Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons.               
______________________

dal blog alla carta

di francesco lo piccolo
164 pagine
Copertina Morbida -
Formato 15x23 - bianco e nero


______________________
TUTTI I POST
PRECEDENTI


POST DICEMBRE la strage di Stato Galileo, la natura, la verità No B Day: io ci sarò POST NOVEMBRE ora la lega vuole le leggi razziali la battuta di Pannella un po’ di viola in attesa del 5.12.09 il processo breve e la dottrina della scienza ancora sul Muro, anzi dopo l’obbedienza non è più una virtù io non dimentico POST OTTOBRE senza illusioni condivido parole e pensieri scritti e suoni sul terremoto questioni d’amore… e di profumo nobel mancato, sfogo in rete da Baaria a Messina

POST SETTEMBRE
l'11 settembre
basta apparire
dame, tria veline e presidenti


POST AGOSTO:
giraffe arancioni e orsi bianchi
le mille gru di sadako


POST LUGLIO:
…mi posso permettere?
editori in Germania
dichiarazione in rete
aderisco allo sciopero contro il decreto Alfano
che culo
G8 in sintesi
il terremoto dell'Aquila, 3 mesi dopo
quando ogni straniero è nemico
questa volta era senza


POST GIUGNO:
promemoria
non crediate che sia finita
le proteste e i nemici del paese
giornali e giornalisti
chi dice legione dice uniforme
home la nostra terra
ancora grazie Obama
Thanks Obama



POST MAGGIO:
ricci pateddi e granci
domanda di riserva
tempo di muri
ancora dubbi?
un caso da empeachment
ma non ha niente addosso
l'Italia è già multietnica
castelli di sabbia



POST APRILE:
piazzisti contro pacifisti
il 25 aprile è tutti i giorni
il 25 aprile, mister B. e la legge 1360
il 25 aprile
commissioni di guerra
il terremoto permanente
terremoti, ronde e paure
il terremoto in Abruzzo
la liberazione di Elena R.



POST MARZO:
tom e il bambino con la fisarmonica
bilanci familiari
bilanci familiari (2)
le ronde di wallander
nel paese dei balocchi
serate romane
public school
capi e copricapi
questioni di vita e di morte

FEBBRAIO:
l'affare atomico
il problema di mills
il voto in sardegna
difesa della costituzione
questioni di coscienza
se fossi eluana-2
senza confronti
con-seguenze

GENNAIO:
la tv al tempo di guerra
io oggi sono ad assisi
a proposito di barzellette
dedicato a chi...
la giornata della memoria
tempo di bavagli

DICEMBRE:
al ministro della virtù
strange fruit
il bosco di Gorra
ensajo sobre a lucidez
intercettazioni di natale
gente di mare
hanno aumentato il 2008

NOVEMBRE:
auguri giovane Obama
la mia america
la castrofe estetica di B
...changeling
chiare fresche et dolci
che mangino briosce

OTTOBRE:
la deriva
quanti li videro...
una candela per Anna
in galera
se fossi eluana
la saggezza della suora
articolo 11
quando eravamo ...
la protesta nelle scuole
a proposito di vespe

SETTEMBRE:
diversi destini
macerie umane
quel 26 settembre '44


Sito denuclearizzato



                                              
guarda anche pagineonlife.wordpress.com



Registra il tuo sito nei motori di ricerca


 

diario | others | il nostro tempo | manifesto antirazzista | calamandrei | fine-vita | nucleare | mussolini era un dilettante |
 
Diario
                                        mail@francescolopiccolo.it
anche su wordpress.com pagineonlife
1visite.

22 giugno 2009

non crediate che sia finita

Innanzitutto un doveroso e pubblico ringraziamento a Pasquale De Matteis (Glocal Editrice) che su mia richiesta mi ha inviato a casa il libro di Beppe Lopez  “Giornali e democrazia”. Un bel libro questo di Beppe Lopez che ho letto tutto d’un fiato (come tutto d’un fiato a suo tempo ho letto “La Casta dei giornali”) e che analizza con cura lo stato dell’informazione italiana a partire da una vicenda personale che è appunto la nascita del Quotidiano di Lecce, il 6 giugno del 79, poco più di 30 anni fa.

E ovviamente un doveroso e pubblico ringraziamento anche all'autore del libro, a Beppe Lopez, direttore del Quotidiano che ha diretto – e difeso – per tre anni con anima e corpo. Innanzitutto perché mi ha fatto tornare indietro nel tempo. Le sue pagine mi hanno fatto ripensare a un pezzo della mia vita, quando anche io da giovane, pieno di entusiasmo, mi sono affacciato nel mondo dei giornali. Giornali fatti per essere venduti, come dice Lopez. Soprattutto giornali liberi da affaristi, palazzinari e finanzieri, dai grandi gruppi editoriali che a breve – come aveva anticipato Orwell – ci diranno anche che cosa pensare. Dice Lopez che allora, quando mise in piedi la squadra di Quotidiano, lavorava anche 18 ore per giorno e che c’era entusiasmo e passione. Capitò anche a me quando collaborai ad altre belle imprese che dall’altra parte dell’Italia si chiamavano Nord Est e successivamente il Mattino di Padova. Ricordo che aspettavamo le due-tre di notte per andare a vedere in tipografia le prime copie fresche di stampa. Ricordo ad esempio Roberto Foco che a mezzanotte e passa, dopo aver “chiuso”, allegro mi diceva: “Ricominciamo?”. Ricordo grandi giornalisti che mi hanno insegnato il mestiere: Valentino Giacomini prima, Giovanni Valentini, Lamberto Sechi, Paolo Pagliaro, Fabio Barbieri e tanti altri dopo. Penso a Francesco La Licata e ad Angelo Arisco a Palermo al giornale Il Diario. Tra i miei ricordi c’è una vecchia foto che non ho più e non so dove è finita: era l’anno che l’Italia vinse i Mondiali…

Ma le pagine di Beppe Lopez non sono solo un pretesto per andare indietro nei miei ricordi.

Sono pagine di denuncia di come i poteri forti hanno ucciso l’informazione e di come è nato dagli anni 70 in poi questo processo che si chiama omologazione e restaurazione passando sopra “la passione civile e la solidarietà sociale che animava in quegli anni i giovani, gli intellettuali e lo stesso ceto politico”. Al punto che “salvo pochi casi isolati, [oggi] domina un tipo unico di approccio alla realtà, una sola comunicazione e un solo ceto comunicante: autoreferenziale, animato da insaziabili appetiti di autoconservazione e di privilegi, nettamente separato dalla realtà”. Altro che Tv o Internet che hanno ucciso la carta stampata. E i dati della diffusione dei giornali in Italia (meno di dieci copie ogni cento abitanti al Nord, sotto le cinque copie al Sud) sono la chiara conferma che qualcosa non va. Che non va la nostra democrazia. Che quella macchina da scrivere sovrapposta ai tavoli della Camera disegnata in copertina del libro “Giornali e democrazia” è l’indicatore unico e vero del livello di democrazia esistente nel nostro paese. Perché il diritto all’informazione, la libertà di espressione e di critica è una delle libertà fondamentali di ogni essere umano. Come altrettanto è libertà fondamentale quella che hanno i lettori di conoscere i fatti e le opinioni.

Trent’anni fa quando Beppe Lopez firmò il contratto da direttore di Quotidiano fece scrivere dall’editore questa clausola: “Il direttore responsabile ha totale autonomia ed esclusiva responsabilità della linea politica, della fattura e dell’organizzazione del giornale”. Era chiaro da che parte stava il bravo Beppe Lopez, era chiaro quali interessi difendeva , non certo una controparte dei giornalisti, ma primo dei giornalisti. Certo era un altro mondo, c’era stato il 68, i lavoratori avevano conquistato diritti che oggi non ci sono più…come altrettanto oggi non ci sono più direttori con prerogative da direttori.

Fa pensare il libro di Lopez e ci aiuta ad andare indietro nel tempo e nella storia politica del nostro paese. Ecco la nascita di Repubblica, la “cacciata” di Gianluigi Melega, la trasformazione del giornale inventato da Scalfari in qualcosa d’altro e che oggi di fatto ha rilegittimato e sdoganato quei giornali contro i quali era nato. Ecco l’assassinio di Moro, il compromesso storico, il craxismo, Carlo Caracciolo, il sequestro di Giovanni D’Urso, i volantini delle Br, la rivolta di Trani, il partito della fermezza, Francesco Gaetano Caltagirone…Un pezzo d’Italia tra passato e presente. E in mezzo a tutto questo un’idea: dare voce non tanto al Palazzo e alla casta, ma a chi ha scarso potere contrattuale, ai poveri, ai disoccupati, ai lavoratori e a chi si batte per l’eliminazione delle ingiustizie…un giornale con una pagina tutta scritta dai lettori… un giornale che descrive la realtà e fa parlare la realtà.

A pagina 189 del libro di Beppe Lopez un brano di una canzone di Pierangelo Bertoli “Potete forse farci rallentare però non vi crediate che sia finita”.

sfoglia
maggio        luglio
 
 

Sito denuclearizzato